Rosario Genovese è nato a Catania l’11 marzo del 1953. Vive e lavora a Catania dove è docente alla cattedra di Decorazione presso l’Accademia di Belle Arti.

 

1978 La sua prima ricerca pittorica affronta la tematica foto-realista, rappresentata da opere ritraenti aspetti urbani della sua città. Con questa sua ricerca viene invitato da Marcello Venturoli e Francesco Gallo al 30° A.R.S. Sicilia della mente, artisti siciliani d’oggi nella città di Messina.

1980 Lo stesso Gallo lo invita alla mostra Metafora e struttura del fantastico a “La Scala” di Paternò (CT). Intanto nasce in lui l’esigenza di sostituire alla sintesi del pezzo unico dipinto, l’analisi dei pezzi tripli dove presenta una ripetizione differente dell’opera accostando ad essa il disegno e la fotografia della stessa immagine. Con queste opere il critico Giorgio Di Genova lo presenta nella sua prima mostra personale presso la Galleria “Arte Club” di Catania diretta da Virgilio Anastasi.

Le sue opere affrontano ora, la problematica del dualismo visivo: scompare il progetto grafico, il dipinto viene fotografato e stampato, ribaltato al negativo, e quindi le due immagini insieme diventano una sola opera.

1981 Con queste sue nuove opere Francesco Gallo e Gerardo Pedicini lo invitano a partecipare alla mostra Continuo/ Discontinuo, “La Scala”, Paternò (CT).

1982 Con la stessa tematica Rosario Genovese è tra gli artisti che, con Giorgio Di Genova e altri artisti hanno formato il gruppo Narciso. E’ presente ad una serie di mostre: Narcissus, Expo Art, Bari; Art.13 ’82 Narcissus, Basilea, Svizzera; Narcissus, “Plusart”, Venezia Mestre.

1983 Viene invitato a partecipare ad Ars Narcissiana, “Il Poliedro”, Ezio Pagano, Bagheria (Palermo); Narciso Arte, “Pantha Arte”, Como.

1984 E’ invitato alla mostra Il continente e/è un’isola a cura di Elverio Maurizi, Acquaviva Picena (AP).

1985 Nunzio Sciavarrello lo invita alla mostra Ipotesi di una fondazione, presso le sale espositive dell’Accademia di Belle Arti di Catania.

Tra il 1985 e il 1986 la ricerca pittorica porta l’artista a spostare il suo interesse verso il macrocosmo realizzando opere che hanno una relazione similare con astri e pianeti. Procede velando la pittura realistica con texture fatte di pennellate cromatiche che, orbitando attorno agli oggetti, assumono sulla tela un percorso che descrive i campi magnetici dello spazio curvo, su tele prevalentemente circolari.

1986  Partecipa alla mostra Siciliana presso Niscemi (CL), a cura di Francesco Gallo.

L’esigenza di avere un rapporto di similarità con lo spazio porta l’artista ad abbandonare la bidimensionalità della tela a favore di opere tridimensionali che rappresentano principalmente pianeti e galassie. Hanno tutte una struttura curva ricoperta da materiali e pigmenti materici naturali, come corde, strofinacci, terre colorate e materiali inerti. Su queste superfici il colore assume lo stesso andamento ricurvo, diventando così sintesi della nuova tematica affrontata.

1990 E’ presente a Milano alla mostra Il segno della docile razionalità/oltre l’ex muro di Berlino a cura di Carmelo Strano in “Spazio ‘92”. Sempre nel ’90 presenta le sue opere in una personale presso lo spazio alternativo “Contatto Europa”a Milano, con testo di Marisa Vescovo. Nello stesso anno un’altra mostra personale presso il “Centro Di Sarro” a Roma, con testo di Enrico Crispolti e ancora a “La Cooperativa” di Bari una personale curata da Mimmo Conenna. Nel novembre viene presentata, in occasione di una mostra personale a Catania presso la Galleria “Arte Club”, diretta da Virgilio Anastasi, una monografia sull’artista, a cura di Carmelo Strano con testi di Enrico Crispolti e Marisa Vescovo.

1991 E’ invitato alle seguenti mostre: 40 anni Istituto Statale d’Arte, Catania; 2° Biennale d’Arte Sacra, con testi di Enrico Crispolti e Daniela Fileccia, Ex Chiesa dei Cavalieri di Malta, Siracusa; Voltaire Arte ’92, a cura di Giuseppe Frazzetto, Catania; Arte e Architettura, a cura di Elio Santarella e Carmelo Strano, “Spazio Ansaldo Città della cultura”, Milano; Tracce e segnali, a cura di Gemma Salvo Barcellona, Gianna Di Piazza, Gaetano Bongiovanni, Palazzo Steri, Palermo.

1992 Espone i suoi lavori in una mostra personale a Bagheria (PA) dal titolo Una nuova scultura, presso la galleria “Acefalo” con testo di Piero Montana; sempre nello stesso anno è presente alla mostra Mare Nostrum a Catania, presso l’Accademia Di Belle Arti, a cura di Carmelo Strano.

1993 E’ invitato a Il Sogno del Classico. Artisti greci e siciliani d’oggi, a cura di C. Strano, “Ars Nova”, Palermo.

1994  La mostra  Ad Hoc a cura di Francesco Gallo, Palazzo di Città, Comune di Acireale (CT)

1996 Caleidoscopio Sicilia a cura di “Arte contemporanea di Bagheria” (PA), responsabile Ezio Pagano, Università di Sydney, Australia.

1998 Simposio di pittura, per la collezione d’Arte contemporanea nella “Cittadella dell’oasi”, Troina (CT), 8-13 Giugno; X Simposio internazionale di scultura, direttore artistico Ludovico Gippetto, “Ex Mercato delle verdure”, Comiso (RG); Locus Aetneus, a cura di Giuseppe Cannilla, “Museo Trecastagni Museo”, Trecastagni (CT).

1999 Sulle ali del tempo, a cura di Antonina Greco, “Osterio Magno”, Cefalù (PA).

La Liguori editore di Napoli pubblica un suo saggio che affronta la tematica della decorazione dal

titolo Progetto decorazione-problematiche e stimolo per una psicologia del decoro.

2000 Sulle ali del tempo, a cura di A. Greco, “Ex Oratorio di S. Stefano Protomartire”, Palermo.

Dal 2000 la sua ricerca lo porta a rivolgere il proprio interesse verso la mitologia cosmologica, riferita alla rappresentazione delle costellazioni e lo spinge a realizzare delle strutture a gabbia su cui viene fissato il tracciato del raggruppamento delle stelle. Lo studio dell’universo lo porta a ricercare “mappe celesti” che mantengono un rapporto similare tra gli astri, le costellazioni e le sue opere, nel rispetto comunque di una costante connessione arte-scienza.

Partecipa così alle seguenti mostre:

2001 E’invitato a Scilla per noi, a cura di G. Frazzetto, “Castello Ruffo di Scilla”, Reggio Calabria e “Centro  Voltaire”, Catania; Etna e dintorni, a cura di Paolo Giansiracusa, “Centro culturale Risvegli”, Belpasso (CT).

2003 L’immaginazione è un albero. E’ radici e rami. Vive nella terra e nel vento, a cura di Giuseppina Radice, Galleria d’arte moderna “Le Ciminiere”, Catania.

2005 Percorsi Etici, a cura di Giuseppina Radice, Galleria d’Arte moderna “Le Ciminiere”, Catania; Biennial VI: Jacob’s Ladder. International Regional Artists Sacred Art, a cura di Ornella Fazzina e Marchicelli Graziella, “Southern Allerghenies Museum of Art”, Loretto, Pennsylvania (USA) con successive esposizioni a: “Ligonier Valley”, “Johnstown”, “Altoona”.

2006 Ratio Naturalis, Installazioni d’arte contemporanea al “Biviere di Lentini” (SR) a cura di Ornella Fazzina, Maggio – Giugno.

2007 Vinces Agata o della Santità. Agatarte, a cura di Francesco Gallo, “Chiesa San Giuseppe al Duomo”, organizzazione galleria “Dietro le quinte”, Catania.

2008 La mostra personale “Castore e Polluce” inserita nel progetto “Quattro tempi” a cura di Rocco Giudice, Galleria “Dietro le quinte”, Catania.

Negli anni 2008/2009 collabora con Antonio Presti per “Fiumara d’arte”come artista responsabile della direzione tecnico-artistica per la realizzazione e l’allestimento de La porta della bellezza a Librino (CT) coordinando il lavoro tecnico del gruppo di artisti  che hanno realizzato le opere in terracotta istallate lungo il muro dell’asse dei servizi di Librino. Lo stesso ha realizzato una grande opera in terracotta di m. 7,00x 7,00 dal titolo La Genesi della Grande Madre visibile lungo il suddetto muro.

2010 Sergio Pausig lo invita alla rassegna d’Arte contemporanea itinerante Taccuini del Mediterraneo: “Museo Civico Castello Ursino”, Catania dal 16 Gennaio-14 Febbraio 2010; “Ca Revolta”, Universitad Politecnica de Valencia, Spagna, dal 16 marzo al 03 aprile 2010; “Ajuntament de la Granja de La Costera”, “Sala de l’Abadia”, Spagna, dal 17 al 25 aprile 2010; “Galleria d’Arte contemporanea”, Vizzini (CT), dal 23 aprile al 09 maggio 2010; “Chiesa di San Lorenzo”, San Vito al Tagliamento (PN), dal 19 maggio al 02 giugno 2010; “Galleria Civica d’Arte contemporanea”, Noto (SR), a cura di Ornella Fazzina, maggio-giugno; “Museo del viaggiatore in Sicilia”, Palazzo Vaccaro, Palazzolo Acreide (SR), dal 17 luglio al 29 agosto, a cura di Ornella Fazzina. Nello stesso anno: Quattro tempi, “Palazzo della Cultura ex Convento San Placido”, a cura di Rocco Giudice, organizzazione Galleria “Dietro le quinte”, Catania; Verismi,Galleria d’Arte Contemporanea”, Vizzini (CT), agosto-settembre.

Nel periodo compreso tra il 2010 e il 2011, mantenendo il legame con le costellazioni mette a fuoco le singole stelle dipingendole su strutture a calotta o supporti circolari per poi ricomporle in un’unica grande istallazione, rispettando il colore originale e un rapporto metrico in scala con la loro grandezza, distanza. Partendo poi dal nome che identifica la singola stella o la costellazione con la propria storia cosmologica e mitologica, realizza le sue opere. Inizialmente compone un testo poetico, poi lo tramuta in un viaggio grafico-pittorico su supporti lignei e tele circolari con una rappresentazione grafico-pittorica fantastica.

2011 Partecipa alla mostra Arte in Cronocalata presso il “Museo Archeologico di Centuripe” (EN) a cura di Rocco Giudice e alla collettiva Taccuini del Mediterraneo, Luglio-Settembre, presso la Galleria Regionale d’Arte Contemporanea “Luigi Spazzapan”, Palazzo Torrioni, Gradisca d’Isonzo (GO), a cura di Francesca Agostinelli.

Nel mese di ottobre viene presentata una mostra personale con opere che vanno dal 1980 al 2011 presso il Palazzo della Cultura ex Convento San Placido a Catania, in occasione della quale viene

pubblicata una Monografia edita dalla “SKIRA” di Milano Rosario Genovese Opere/Works 1979-

2011  con una presentazione di Demetrio Paparoni e una conversazione con Marco Meneguzzo.

Nello stesso anno Giuseppe Maimone editore di Catania pubblica Le mie stelle parlanti: parole e

immagini, una raccolta di testi poetici e immagini di opere pittoriche dell’artista.

Nel mese di dicembre viene invitato alla mostra collettiva Artisti nella luce di Sicilia, presso il Palazzo della Cultura ex Convento San Placido di Catania, evento collaterale alla “Cinquataquattresima esposizione internazionale d’arte Biennale di Venezia”, mostra ideata e curata da Vittorio Sgarbi, catalogo Edizioni Dietro le Quinte, sezione “Generazione cinquanta artisti Accademia di Belle Arti” presentata da Giampiero Vincenzo.

2012 Nel mese di Dicembre è invitato da Corrado Gizzi a interpretare alcuni brani tratti dal XXVI e XXVII canto dell’Inferno di Dante per partecipare alla mostra Dante e i Fraudolenti, Museo “Fortunato Bellonzi”, casa di Dante in Abruzzo, Torre de’ Passeri, Pescara con presentazione di Giorgio Di Genova, pubblicazione edita dalla Ianieri Edizioni.

2013 Nel mese di marzo partecipa alla mostra Versi Apocrafi  presso lo Spazio Naselli, Comiso

(RG) con pubblicazione LSC edition di Acireale (CT). A Settembre partecipa a Siciliadives, a cura

di Gianfranco Labrosciano presso il Complesso monumentale di San Severo al Pendino di Napoli.

Nel 2013 la Scrimm Edizioni di Catania pubblica l’ebook  Mondi dentro. Rosario Genovese.

2014 Il gallerista Mauro Lombardo del Museo-galleria permanente d’arte moderna “La Vite” di Catania lo invita a preparare una sua mostra personale Alpha/Beta.Corrispondenze a cura di Giuseppe Frazzetto, nel mese di marzo con catalogo Edizione La Vite. Gianfranco Labrosciano lo invita alla IV tappa della collettiva itinerante di Sicilia Dives nei mesi di Giugno-Luglio al Museo Tripisciano presso Palazzo Moncada di Caltanissetta. Nello stesso anno viene inserito da Giorgio Di Genova in un volume Percorsi d’arte in Italia, pubblicato da Rubbettino editore, Soveria Mannelli (Catanzaro), a cura di Enzo Le Pera.

2015 Francesco Gallo lo invita a realizzare un bozzetto per la X rassegna d’arte contemporanea Un mosaico per Tornareccio dal titolo F.I.O.R.E. inaugurata nel mese di luglio presso la Sala polifunzionale “Remo Gaspari” a Tornareccio (CH). Nel mese di dicembre viene invitato a presentare la personale-evento Art in Law presso lo spazio alternativo GED Ginardi e Di Stefano di Catania. Nello stesso mese è presente con diverse opere all’interno della mostra GenerAzioni a confronto nella “sezione omaggi”, curata da Giorgio di Genova, presso il Palazzo Sforza Cesarini a Genzano di Roma. Sempre a dicembre viene invitato a partecipare alla VII edizione di Limen arte, nella sezione tematica Scenari dell’imageri a cura di Giorgio di Genova, presso il Complesso Valentianum di Vibo Valentia (RC). Ancora nel mese di dicembre Marco Meneguzzo lo invita alla mostra Vite da gallerista Ezio Pagano presso le Fabbriche Chiaramontane ad Agrigento con catalogo Edizioni Amici della pittura siciliana dell’ottocento. Dal 23 dicembre è presente alla collettiva Taoacademy, nuovi linguaggi nell’arte contemporanea in Sicilia, organizzata dall’Accademia di Belle Arti di Catania, a cura del Direttore Virgilio Piccari, presso il Palazzo Corvaja di Taormina (ME).

2016 Franco Spena lo invita a partecipare alla mostra d’arte contemporanea Invisibile presso il Museo Diocesano del Seminario Vescovile “G. Speciale” di Caltanissetta.

 

Hanno scritto di lui critici e saggisti d’arte come: Giorgio Di Genova, Francesco Gallo, Carmelo Strano, Enrico Crispolti, Vincenzo Perna, Piero Montana, Beppe Occhipinti, Marisa Vescovo, Emilia Valenza, Giuseppe Frazzetto, Gerardo Pedicini, Paolo Giansiracusa, Elverio Maurizi, Antonina Greco, Giuseppe Cannilla, Giuseppina Radice, Ornella Fazzina, Rocco Giudice, Franco Spena, Sebastiano Mangiameli, Demetrio Paparoni, Marco Meneguzzo, Lucia Spadano, Michele Romano, Ivano Mistretta, Marcello Palminteri, Federica Pera, Grazia Calanna, Elena Cantarella e Andrea Viscuso.

 

Esposizioni Permanenti

Sue opere si trovano in esposizione permanente presso: Museum, Arte contemporanea, Bagheria (Palermo); Pinacoteca Godranopoli, Godrano (PA); Galleria civica di arte contemporanea , Palazzo alla Vicaria, Trapani;  Museo d’arte contemporanea, Trecastagni (CT); Museo domestico, Pettineo (ME); Palazzo dei Normanni, Palermo; Museo d’arte contemporanea, Monreale (PA); Galleria  d’arte sacra contemporanea Santa Maria, Siracusa; Museo all’aperto “Terz’occhio Meridiani di Luce” Porta della Bellezza, Librino (CT); Collezione Calleri,  “Arte Contemporanea Permanente” Palazzo della Cultura, Catania; Pinacoteca d’Arte contemporanea, Bronte (CT); Artisti contemporanei, Palazzo della Cultura ex Convento San Placido, installazione permanente dell’opera “Regolo” alla Torre Saracena, Catania e in numerose collezioni private.