Rosario Genovese

CENNI BIOGRAFICI

Rosario Genovese, nato a Catania nel 1953 dove vive e lavora, ha frequentato l’Istituto d’Arte e l’Accademia di Belle Arti di Catania, dove è docente di Decorazione.

Il suo percorso artistico inizia alla fine degli anni 70. La sua ricerca pittorica lo porta a realizzare opere che si configurano nel realismo fotografico diventandone protagonista. In seguito negli anni 80, affronta una nuova problematica, quella del dualismo visivo e nell’82 è uno dei protagonisti del gruppo Narciso, teorizzato dal critico Giorgio Di Genova.

Negli anni 90 la sua ricerca approda al concetto di mimesi cosmologica. L’esigenza di avere un rapporto di similarità con lo spazio porta l’artista a preferire l’opera a tutto tondo in cui il pigmento materico si deposita curvandosi su essa, diventando sintesi della nuova tematica. Prende in prestito le immagini di astri, pianeti e galassie riproponendoli, dopo un’analisi misurata, su strutture aeree in cui lo spazio esterno attraversa quello interno dell’opera conferendole una sospensione cosmica. Nel 1999 la Liguori editore di Napoli pubblica un suo saggio di sociologia dell’arte dal titolo Progetto decorazione-problematiche e stimolo per una psicologia del decoro.

Il suo ultimo interesse è verso la rappresentazione di “mappe celesti” che mantengono un rapporto similare tra gli astri coniugando arte e scienza. Nel 2010 osserva i corpi celesti esplorandoli uno ad uno mantenendone sempre il rapporto metrico in scala nonché la colorazione originaria. Quindi esaminando le origini etimologiche del nome fa un viaggio pittorico nel fantastico tra cosmologia e mitologia preannunciato sempre da un testo poetico che si traduce poi in grafica e pittura. Nel 2011 Giuseppe Maimone editore di Catania pubblica Le mie stelle parlanti: parole e immagini, una raccolta di testi poetici e immagini di opere pittoriche dell’artista. Nello stesso anno la Skira Editore di Milano pubblica la monografia Rosario Genovese Opere/Works 1979-2011.

Dal 2012 continua l’analisi sulle stelle, in particolar modo sulle binarie a contatto, che lo conduce a riappropriarsi dell’opera doppia, affiancando alla prima tela dipinta a guazzo, una copia fotografica su tela della stessa. Accostando poi i due supporti interviene in alternanza su entrambi, con disegni a matita e pittura a velo, per dare vita al dittico.

Nel 2013 la Scrimm Edizioni di Catania pubblica l’ebook Mondi dentro.

Dal 2016 comincia a studiare, e quindi interpretare, le “binarie strette a raggi x”. Realizza nuove opere che raccontano, reinterpretandolo, il collasso di una delle due stelle gemelle che si trasforma in buco nero. Lo rappresenta strutturalmente con una forma a spirale su cui il colore descrive il flusso centripeto energetico e sintetizza la rappresentazione della increspatura dello spazio attraverso la rugosità della materia. Si riappropria della sua precedente ricerca sul materismo come mimesi, già affrontata negli anni ottanta-novanta, per rappresentare la rugosità e l’increspatura dello spazio. Al suo fianco rimane l’opera grafico-pittorica che assume una deformazione strutturale oblunga per descrivere la forza che il buco nero esercita nel risucchiare la sua vecchia compagna. Le ultime opere sono, tra l’altro, dotate di un sistema di amplificazione al fine di riprodurre un suono primordiale  attraverso lo strofinio delle mani sull’opera stessa.

Nel 2017 l’Aurea Phoenix Edizioni di Ragusa, pubblica Rosario Genovese-Cosmologie.

Le ultime opere interpretano pulsar e buchi neri binari. Esse si presentano come dittici tridimensionali e posso coinvolgere le nostre percezioni sensoriali aggiungendo alla vista, l’udito, l’odorato e il tatto. Il suono viene percepito attraverso dei sensori che, sotto la sollecitazione di una carezza o di uno strofinio sulla superficie dell’opera, amplificano il fruscio che nasce dalla rugosità della materia. Contestualmente l’azione di strofinio fa esplodere delle vescichette profumate già mescolate ai pigmenti. E infine è possibile leggere alcune parole scritte in composizione poetica  lungo la superficie dell’opera che, essendo tradotte anche con il sistema Braille, possono essere lette dai non vedenti attraverso il tatto.

Hanno scritto di lui critici e saggisti d’arte, sue opere si trovano in permanenza in numerosi Musei e collezioni private.

Ultime opere

BINARIE A RAGGI X
Installazione con tre dittici binari2021-09-16T09:33:03+02:00
Pulsar binaria B1913+162021-09-16T09:22:18+02:00
Pulsar della Vela2021-09-16T09:20:51+02:00
Binaria a raggi X Beta2021-09-16T09:18:06+02:00
Binaria a raggi X Alpha2021-09-16T09:12:54+02:00
M33 – 7 – Binarie X2021-09-10T10:44:00+02:00
Sistema Stellare a raggi X – V404 Cygni2019-02-11T11:37:59+01:00
Binaria X – M33 – 72019-02-11T11:36:45+01:00
M33 – 7 – Progetto 19 Binaria X2019-02-11T11:35:01+01:00
Dittico Binaria a Raggi X M33X-72019-02-11T11:33:27+01:00
Dittico Binaria a Raggi X Costellazione Triangolo M33X-72019-02-11T11:32:07+01:00
Progetto EU 1630 – 4722019-02-08T16:51:09+01:00
Vela X-1 e HD775812019-02-08T16:49:00+01:00
Binaria a Raggi X – Vela X-1 e HD775812019-02-08T16:46:02+01:00

Contatta l’artista

Se sei interessato all’attività di Rosario Genovese mettiti in contatto direttamente con l’artista.